Quello che diremo al Commissario Prefettizio Tronca

MESSA IN SICUREZZA DEI TERRITORI URBANIZZATI INTERESSATI DA DISSESTI
GEOLOGICI E IDRO-GEOLOGICI

Al Commissario Prefettizio Tronca Roma 30/3/2016
Le rappresentiamo:

– che nonostante appaia sempre più grave il progressivo innalzamento dei livelli di rischio derivante dal degrado del sottosuolo in tutta la città, rimane del tutto inadeguato, se non irresponsabilmente assente, l’impegno dell’Amministrazione rispetto all’obbligo, previsto dal PRG, di acquisire e aggiornare in modo sistematico la conoscenza delle reti di cavità sotterranee, con la conseguenza di non poterne monitorare le criticità, eludendo di fatto le stesse norme di prevenzione e precauzione;

– che la gravità della situazione ha raggiunto livelli insostenibili nell’area Est/Sud-Est di Roma, con una concentrazione nel territorio dell’attuale V Municipio, dove i diffusi sistemi
sotterranei di antiche cave stanno rapidamente cedendo anche e soprattutto nei quartieri di più storica edificazione, dove domina l’abbandono di ogni tutela edilizia, pure prevista nei piani urbanistici destinati alla loro conservazione, e di qualsiasi tipo di controllo sulle reti di servizio dalla cui mancata manutenzione deriva la principale causa di dissesto del delicato equilibrio geologico;

– che gli appelli e le azioni democratiche e partecipative delle quali i cittadini si sono fatti
carico da anni, anche con circostanziati supporti scientifici, non hanno ottenuto riscontri concreti – neanche dopo i cedimenti sotterranei improvvisi che hanno provocato il crollo di due abitazioni nel 2014 al Quadraro Vecchio – né dall’Amministrazione né dai Dipartimenti e dagli Uffici Extradipartimentali ai quali sono affidati compiti inderogabili peraltro ribaditi nei principi fondanti del Tavolo Interdipartimentale dei Geologi di Roma Capitale, così espressi:
“ Il Tavolo interdipartimentale nasce dalla sinergia tra i geologi in servizio presso i dipartimenti Tutela Ambientale – Protezione Civile, Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, Programmazione e Attuazione Urbanistica e la sovrintendenza Archeologica, e avrà sia il compito di supportare gli organi dell’Amministrazione Capitolina nell’affrontare i principali problemi e rischi di natura geologica esistenti sul territorio romano (come frane, sprofondamenti, subsidenze, etc.), sia quello di curare e predisporre specifici progetti su tematiche geologiche per la pianificazione generale e per la gestione dei rischi. L’istituzione del Tavolo dei Geologi, permetterà di ottimizzare al massimo le azioni sul campo, i sopralluoghi e lo scambio dati tra gli uffici, garantendo una
gestione più razionale e più efficiente delle attività”.

Abbiamo ragione di ritenere:

– che l’assenza della Determinazione Dirigenziale necessaria a rendere operativo il Tavolo Interdipartimentale e la corrispondente inadempienza, comunque ingiustificata, dei singoli Dipartimenti rispetto alle loro attività istituzionali, rientrino nella strategia di svuotamento e rimozione delle strutture professionali interne preposte al controllo ed alla salvaguardia pubblica del territorio;

– che i gruppi di potere politico-immobiliare vogliano così garantirsi che nessun ostacolo, sia pur minimo come quello rappresentato da strutture operative ormai in gran parte asservite, possa rallentare lo smantellamento progressivo degli strumenti democratici di pianificazione cui mirano per agire a mani libere nella ri-cementificazione senza regole e senza fine, e che lo stato d’abbandono nel quale è ridotta la città da conservare, recuperare e mantenere sia parte dello stesso inaccettabile disegno strategico di stravolgerne gli strumenti di tutela, con conseguenze drammatiche sia a livello sociale e culturale che fisico, incluso quello geologico che rischia di essere irreversibile se non affrontato con l’urgenza e lo spirito di responsabilità che richiede.

Chiediamo pertanto:

che il Tavolo Interdipartimentale dei Geologi di Roma Capitale, mai reso operativo dall’aprile 2014, data nella quale ne era stata annunciata, con una Memoria di Giunta, l’avvenuta istituzione, sia messo nella condizione di operare e di intervenire da subito con l’attivazione di un organico piano di esplorazione, rilevamento, mappatura, monitoraggio e messa in sicurezza del sottosuolo nelle aree che stanno evidenziando un’altissima criticità, a partire dal Quadraro Vecchio, al fine di scongiurare ulteriori gravi eventi lesivi dell’incolumità dei cittadini, con le conseguenti responsabilità anche di rilevanza penale per l’Amministrazione stessa, a fronte di un impegno oggi sostenibile e di breve durata se affrontato con le modalità ed i mezzi dovuti e con regole certe e trasparenti.

Posted in General | Comments Off on Quello che diremo al Commissario Prefettizio Tronca

STOP AL CEMENTO – MORATORIA SUBITO

ARBC62 - manif3003 v2

 

LA RETE DEI COMITATI
IL FORUM SALVIAMO IL PAESAGGIO DI ROMA E DEL LAZIO
LA CAROVANA DELLE PERIFERIE

Incontrano il Commissario di Roma Capitale Francesco Paolo Tronca
INVITANO I CITTADINI, I COMITATI E LE ASSOCIAZIONI
AL PRESIDIO/ASSEMBLEA “STOP AL CEMENTO – MORATORIA SUBITO”
IL 30 MARZO 2016 ALLE ORE 16:30 IN PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO – PARTECIPIAMO!

Una delegazione di cittadini incontrerà il Commissario per scongiurare l’ulteriore aggressione speculativa e il saccheggio del territorio che le nuove delibere comunali favoriscono utilizzando strumenti come il piano casa, i diritti edificatori e le compensazioni e per fermare la continua espansione urbana incontrollata e caotica che devasta ciò che rimane dell’Agro Romano, delle aree verdi ed interstiziali di Roma, chiediamo ai commissari, alle giunte ed ai consiglieri municipali in carica, al futuro sindaco, alla sua giunta, ed ai consiglieri del prossimo consiglio comunale:

a) UN’INCHIESTA PUBBLICA che risponda alla cittadinanza romana delle evidenti violazioni e che -soprattutto- sia in grado di quantificare la mole delle opere pubbliche ancora da realizzare o come per lo scandalo dei Piani di Zona (L.167/68), l’ammanco di soldi pubblici provocato dalla mala urbanistica;
b) UNA MORATORIA immediata di tutti i provvedimenti urbanistici all’ordine del giorno dell’assemblea capitolina, sia quelli già istituiti che in corso di istruttoria;
c) LA VALUTAZIONE E LA PUBBLICAZIONE dello stato di indebitamento del Comune di Roma;
d) IL RECUPERO, LA RIQUALIFICAZIONE ED IL RIUSO a fini sociali delle aree e degli edifici pubblici dismessi, come beni inalienabili;
e) LA CANCELLAZIONE DEGLI ARTICOLI della normativa tecnica del vigente Piano Regolatore Generale (PRG) CHE INTRODUCONO I “DIRITTI EDIFICATORI”;
F) LA FINE DELLA PRATICA DELLE “COMPENSAZIONI”;
g) LA CESSAZIONE DEGLI “ACCORDI DI PROGRAMMA” come grimaldello per variare il PRG;
h) LA MESSA IN SICUREZZA DEI TERRITORI interessati dai dissesti geologici e idrogeologici;
i) LA TUTELA DEGLI STANDARD URBANISTICI dei quartieri consolidati, un serio progetto di sostegno alla loro manutenzione e salvaguardia, la revisione delle procedure del piano casa;
j) LA TUTELA DELLE AREE SENSIBILI, delle aree ancora verdi e del patrimonio botanico della città con l’approvazione di un regolamento del verde urbano consono a una capitale come Roma;
k) L’APPROVAZIONE DI UNO SCHEMA DI CONVENZIONE GENERALE CONSERVATIVO e più attento al territorio.

LA RETE DEI COMITATI: Salviamo il Paesaggio Roma e Lazio, Consiglio Metropolitano Partecipato di Roma, Comitato No Corridoio Roma-Latina per la Metropolitana Leggera, Comitato di quartiere Roma XVI Pisana Estensi, Associazione Culturale Respiro Verde Legalberi, Q.R.E. Quartieri Riuniti in Evoluzione Municipio VI, Comitato di Difesa del Territorio Colli Prenestini Castelli Romani, Comitato Villa Blanc, Comitato Via Francigena via Labicana via Casilina, Associazione Radicale Ecologista, Mobilitiamoci, Aspettare Stanca, associazione di promozione sociale, Comitato Roma XII per i beni comuni, CdQAxa Sicura, SOS Ambiente, ACRI-Gente di Aguzzano IV Municipio,Comitato per la Salvaguardia di Grottaperfetta Stop I-60, Comitato cittadino della Vittoria, Associazione Viviamo Vitinia O.N.L.U.S., Comitato Romano di appoggio al Movimento dei Sem Terra, Associazione Ottavo Colle, C.A.L.M.A. Coordinamento Associazioni del Lazio per una Mobilità Alternativa, Forum Territoriale Permanente del Parco delle Energie, CdQ Tor Bella Monaca, Sentinelle degli Alberi, Rete di Pace–Laboratorio Monteverde, Coordinamento Comitati Spontanei Ambientalisti, Coordinamento Agro Romano Bene Comune, Associazione Latium Vetus, Comitato Collina di Pietralata, No Cemento Roma Est, Sopra e sotto il Quadraro.

Per info e comunicazioni:
Gualtiero Alunni 3332152909 – 3381137155 – Giuseppina Granito 3336954536

Posted in General | Comments Off on STOP AL CEMENTO – MORATORIA SUBITO

nuova pagina : rassegna stampa

abbiamo creato una nuova pagina su questo blog : http://sopraesottoilquadraro.noblogs.org/rassegna-stampa/

troverete notizie istituzionali e articoli di giornali sui temi da noi trattati .

Schermata 11-2457329 alle 18.35.16

Posted in General | Comments Off on nuova pagina : rassegna stampa

intervento del geologo di “sotterranei di roma”

questo l’audio che abbiamo registrato in occasione del convegno dei primi di settembre sulle voragini del quadraro; ci sono le dichiarazioni del geologo di “sotterranei di roma” che è intervenuto.
Le sue dichiarazioni sono estremamente interessanti perchè dice senza mezzi termini che le indagini e conseguente sanificazione del sottosuolo del nostro quartiere sono effettuabili con una spesa molto limitata alla luce delle nuove tecnologie in loro possesso.
Questa dichiarazione è stata resa alla presenza tra gli altri del nostro amministratore palmieri e da tutti i capi geologi nazionali.

buono ascolto

Posted in General | Comments Off on intervento del geologo di “sotterranei di roma”

Giornata Nazionale di comunicazione e di confronto sui rischi geologici

Giornata Nazionale di comunicazione e di confronto sui rischi geologici

 

in questo video il presidente del V muncipio Palmieri affronta il tema dei rischi geologici. Notare le frasi
“Abbiamo acquisito una consapevolezza della nostra limitata conoscenza delle cose…sono rarissimi i casi in cui siamo riusciti a prevenire..” Davvero ma se lo abbiamo fatto notare con largo anticipo!!!
come non cogliere poi queste parole”…gli investimenti in tutela del territorio sono investimenti che servono ai cittadini mi auguro che questo sia il primo momento di un cammino,  abbiamo bisogno di competenze e la manutenzione del territorio non vuol dire riparare le strade o fare le strisce pedonali ma vuol dire intervenire…” Infatti dalle nostre parti c’è ancora una bella voragine con una casa dentro.

Posted in General | Comments Off on Giornata Nazionale di comunicazione e di confronto sui rischi geologici

nuova assemblea pubblica 15 luglio

volantino assemblea 15

Posted in General | Comments Off on nuova assemblea pubblica 15 luglio

nuova lettera al comune di roma

Spett. le Sindaco di Roma Capitale
Dott. Ignazio Marino
Ogg.: cedimenti diffusi e crolli allarmanti della rete sotterranea di cavità nel vecchio Quadraro In qualità di cittadini romani costituitisi in Comitato ”Sopra e sotto il Quadraro”, ci rivolgiamo a Lei perchè intervenga, con l’autorevolezza che la Sua carica conferisce, per rimuovere quegli ostacoli che fino ad ora hanno impedito di affrontare e risolvere i gravi problemi che interessano il nostro quartiere.
La presenza di una vasta rete di cavità che si sviluppano nel sottosuolo del nostro territorio
(comprensorio Centocelle, sub-comprensorio Quadraro,di competenza Municipio V ex VI) ha determinato il verificarsi di ripetuti cedimenti del terreno, con conseguenti crolli, anche di edifici (via Columella 2009 e via C. Ridolfi 2014 i più gravi). Tali eventi catastrofici, sintetizzati nella documentazione allegata, non hanno riscontro paragonabile a Roma nonostante la città sia caratterizzata da estesi sistemi caveali, e sono riconducibili all’accentuarsi del degrado del sottosuolo, anche per incuria e omissioni di anni da parte delle Istituzioni preposte, con diverso titolo, responsabilità e poteri, alla salvaguardia del territorio e alla sicurezza di chi vi abita: il Municipio, i Dipartimenti di Pianificazione, Manutenzione Urbana, Ambiente, le Aziende di Servizi.
Ancora oggi, di fronte all’evidenza dei fatti ed alla correttezza, nel merito e nel metodo, delle nostre istanze di intervento, ciascuno, presentando le sue giustificazioni, omette di prendere provvedimenti adeguati, ignorando che le proprie responsabilità istituzionali, al di là del dovere che impongono, possono diventare penali.
Dopo aver contattato e cooptato i migliori esperti e conoscitori della geologia dei luoghi, e
ottenuto il supporto dei tecnici più coscienti dell’Amministrazione in seno alla Pianificazione, ci siamo fatti noi carico, in modo democratico, partecipativo e civile, di costituire gruppi tecnici qualificati e volontari per reperire e rimettere insieme documenti, studi e ricerche esistenti, ma mai utilizzate. Questo lavoro ci ha consentito di formulare proposte e metodologie di studio e di intervento percorribili e sostenibili, (di cui in allegato presentiamo uno schema).
Considerando l’importanza fondamentale di un coordinamento dei vari settori coinvolti su
questi temi, riteniamo sia inevitabile un suo intervento diretto e personale per scuotere l’inerzia degli organi preposti, e per indicare il modo legalmente corretto per reperire le necessarie risorse economiche (non così ingenti come quelle richieste per le “grandi opere” o i grandi eventi) da destinare alle azioni che abbiamo più volte sollecitato, ritenendole vitali, urgenti ed indilazionabili.
La pericolosità della situazione (nuove crepe riconducibili allo stesso fenomeno di cedimento del sottosuolo si stanno manifestando in un’altra abitazione) ci impone di chiederLe un incontro urgente (non oltre 10 giorni da oggi ), nel quale il nostro gruppo tecnico potrà fornire qualunque chiarimento e approfondimento ritenesse utile.
Fiduciosi in una risposta sollecita e partecipe inviamo distinti saluti il GRUPPO TECNICO per il Comitato di cittadini per la tutela del territorio “SOPRA E SOTTO IL QUADRARO”
All: 1-2-3 Roma……………….

Posted in General | Comments Off on nuova lettera al comune di roma

prossima assemblea 14-03-2015

CROLLI E VORAGINI AL QUADRARO………..
COME PROSEGUE LA BATTAGLIA?
NOI RESISTEREMO UN MINUTO SEMPRE PIU’ DI LORO!

Finalmente un riscontro! Ebbene dopo mesi e mesi pieni di ostacoli burocratici, giuridici, formali, abbiamo ottenuto l’accesso alla documentazione richiesta (le mappature del territorio esistenti) presso il Comune di Roma. Non solo! Il nostro gruppo tecnico e competente ha incontrato alcune persone responsabili degli uffici del Comune – altrettanto tecnici e competenti – interessate e, per giunta, disponibili a darci una mano.
Fosse vero! Confidiamo nei tecnici perché sul piano politico siamo lontani anni luce! Il Municipio V (ex VI), nella persona del suo mini sindaco, non ha nemmeno avuto il coraggio?interesse?buona creanza? di presentarsi agli appuntamenti da lui prefissati con le persone direttamente coinvolte dalla voragine, con le abitanti e gli abitanti, con cittadini e cittadine del Quadraro.
Inoltre da quei bravi tecnici del Comune di Roma abbiamo appreso che lo scorso giovedì 12 febbraio c’è stato un incontro presso il V Municipio che ha trattato dei crolli al Quadraro (via Ridolfi e via Anagni è specificato nella convocazione) al quale sono stati invitati rappresentanti di tutte le amministrazioni competenti ma ……..NOI NO!!!!.
Perché? “E’ la prassi che gli organi ufficiali trattino tra loro la questione prima di confrontarsi con i cittadini”.
Ebbene, poiché questo incontro al vertice l’abbiamo senz’altro “stimolato”, sarebbe il caso di farsi sentire sempre di più e con ogni mezzo perché dobbiamo costringerli a confrontarsi sulle decisioni che ci riguardano PRIMA e SOPRATTUTTO con noi!!

SIAMO STUFI DEGLI ABUSI NEI CONFRONTI DELLE PERSONE E DEL TERRITORIO!

Riassunto: nel 2013 si è verificato il crollo di una abitazione in via Cosimo Ridolfi a causa del formarsi di una voragine sotto di essa. Da allora un gruppo di abitanti del Quadraro vecchio e non solo – vista la situazione allarmante sia sopra che sotto il nostro territorio -, ha iniziato a incontrarsi e ad organizzarsi per fare qualcosa: promuovere azioni concrete e iniziative volte a reperire documentazione, a responsabilizzare le istituzioni, a informare il quartiere…..in poche parole a tornare a prendere collettivamente le decisioni sulla gestione e controllo delle attività connesse alla trasformazione e manutenzione del suolo –
A luglio abbiamo inviato una diffida con centinaia di firma raccolte al Comune, al V Municipio ai dipartimenti coinvolti e persino al Ministero della Pubblica istruzione. Continuiamo a chiedere:

* l’ attivazione della mappatura delle aree non censite;
* il finanziamento e la programmazione di tutti gli interventi di messa in sicurezza delle cavità con le tecnologie risolutive e non invasive a conoscenza delle istituzioni scientifiche specialistiche e con il coinvolgimento istituzionale della popolazione (partecipazione attiva) allo scopo di progettarli ed attivarli d’urgenza;
* l’ immediata moratoria di tutti gli interventi edilizi che abbiano incidenza sul sottosuolo e che quelli relativi ai servizi pubblici (cavi ed aperture) siano eseguiti solo con la conoscenza della reale situazione sotterranea.

SOSTENETECI E SOSTENIAMOCI!

CI RIUNIAMO PROSSIMAMENTE IL 14 MARZO ALLE 16.00
AL NIDO DI VESPE – VIA DEI CICERI 131

versione stampabile

Posted in General | Comments Off on prossima assemblea 14-03-2015

appuntamento in municipio 12 gennaio h. 17.00

dopo l’ennesima visita fatta alla presidenza del municipio V nel mese di dicembre si è ottenuto un incontro ufficiale con il Presidente Palmieri per lunedi 12 gennaio 2015 alle ore 17 a via di torre annunziata. Più siamo e meglio stiamo

Posted in General | Comments Off on appuntamento in municipio 12 gennaio h. 17.00

BUON ANNO

buona befana dal quadraro

Posted in General | Comments Off on BUON ANNO